Home
English version
Su di noi
I Progetti
News
Media
Contatti
Newsletter-Registrati
Campioni della Vita
Rodi & Rodi
I Ragazzi dello Tsunami
I Ragazzi dello Tsunami





I RAGAZZI DELLO TSUNAMI

Sulla costa occidentale della Thailandia, nella Provincia di Phangnga, lo tsunami del dicembre 2004 ha reso orfani oltre 2.500 bambini e 150mila persone hanno perso tutto. 
Aiuti da tutto il mondo da parte di privati ed organizzazioni hanno contribuito da subito ad alleviare la disperazione di quell’esercito di bambini soli dando loro rifugio e calore familiare.
Tuttavia i bambini resi orfani dalla grande onda, oggi sono ragazzi che guardano al futuro con poche speranze.
Sono circa 57mila i posti di lavoro cancellati dallo tsunami in Thailandia. Ma è una stima per forza di cose in difetto: difficilissimo, infatti, calcolare l’impatto reale che il disastro ha avuto sull’economia informale e sulla “micro-imprenditoria”, addirittura impossibile quantificare i posti di lavoro sottratti ai lavoratori immigrati, la quasi totalità dei quali birmani illegali.
Il progetto Campioni della Vita vuole impegnarsi per offrire ai “Ragazzi dello Tsunami” un futuro di studio e di lavoro creando i migliori presupposti di inserimento in un contesto altamente specializzato ed in fase evolutiva : il turismo culturale e la cucina d’autore.
Il format del progetto Cucina & Coyzina, attualmente in fase di start up in Grecia , è riproposto in Thailandia nell’isola di Phuket, uno dei territori maggiormente colpiti dallo Tsunami del 2004.
Una delegazione della Fondazione Zamperetti è impegnata dal gennaio 2013 in Thailandia in una missione ricognitiva e preparatoria del progetto.



La Fondazione al Villaggio della Felicità di Phuket . Dove i progetti diventano realtà.



Sito web
Mysito.Info Realizzazione Siti web
MySito.info
Home
English version
Su di noi
I Progetti
News
Media
Contatti
Newsletter-Registrati

Warning: Unknown: write failed: Disk quota exceeded (122) in Unknown on line 0

Warning: Unknown: Failed to write session data (files). Please verify that the current setting of session.save_path is correct (/tmp) in Unknown on line 0